NANO-CAPPOTTO MANTI CERAMIC L’INNOVAZIONE DEL CAPPOTTO TERMICO IN POCHI MILLIMETRI.

La famiglia di prodotti MANTI® CERAMIC è il risultato finale del processo di ricerca e sviluppo del gruppo industriale Műszer Automatika, un gruppo con 40 anni di storia, sette stabilimenti produttivi e una lunga tradizione nell’innovazione.

Il nano-cappotto Manti Ceramic nasce con lo scopo di risolvere i problemi dei tradizionali sistemi di isolamento termico ad alto spessore. Può lavorare in maniera sinergica con il cappotto ad alto spessore, garantendo la chiusura dei ponti termici e ostacolando l’ingresso del calore estivo.

Quando usato al posto del cappotto ad alto spessore, garantisce il corretto isolamento con spessori minimi, ed evita le opere edili e i costi a loro connessi.

Si utilizza anche dove l’isolamento ad alto spessore non si può applicare.

TECNOLOGIA AEROSPAZIALE

La tecnologia che sta alla base del nano-cappotto è stata originariamente inventata dalla Nasa, l’ente spaziale Americano.  

Si tratta di un composito di Microsfere Ceramiche a granulometria variabile che hanno il vuoto al loro interno e che sono rivestite di un materiale speciale che gli permette di riflettere l’onda termica.

Il nano-cappotto MANTI® CERAMIC è un isolante termico a basso spessore.

Il suo principale componente è un mix di microsfere di ceramica, a granulometria variabile che misurano pochi micron (un micron è un millesimo di un millimetro e in 1 millimetro se ne trovano centinaia).

Utilizza microsfere ceramiche di alta qualità, contenenti aria sottovuoto al loro interno, prodotte ad alta temperatura cui viene poi aggiunto un legante non volatile a base acquosa.

Le microsfere sottovuoto bloccano quasi completamente il flusso termico, grazie alla loro capacità di isolamento termico. I materiali isolanti convenzionali non bloccano, ma rallentano, il flusso termico. Come risultato, la loro capacità isolante dipende quindi dal loro spessore.

Molti materiali isolanti non sono Idrofobici, la loro applicazione produce quindi condensa fra il muro e l’isolante, un ambiente che favorisce la proliferazione di funghi e muffe.

MISURAZIONE E PERFORMANCE

Riguardo Le prestazioni termiche del nano-cappotto è bene sapere che vi sono oltre 10 meccanismi di azione all’opera in questa tecnologia, ma per semplificare si può dire che il prodotto abbia gran parte della sua efficacia nella capacità di riflettere l’onda termica, e nella capacità intrinseca delle microsfere di ceramica di assorbire e dissipare il calore, il meccanismo d’azione legato al contrasto della conduzione termica rappresenta una piccola parte del complesso, non superiore al 10-15%.

E’ bene quindi precisare che la misurazione delle performance del prodotto con strumentazioni progettate e costruite per i cappotti ad alto spessore è errata.

Per fare un esempio utilizzare un termo-flussimetro o una piastra con anello di guardia non permette di misurare le performance del prodotto, perché il prodotto lavora su altri meccanismi d’azione, non rilevabili su questi test.
L’efficacia del prodotto è data da diversi fattori:

Il ponte termico non è più un problema

Un ponte termico, chiamato anche ponte freddo o ponte termico, è un’area o componente di un oggetto che ha una conduttività termica superiore rispetto ai materiali circostanti, creando un percorso di minima resistenza per il trasferimento di calore.

I ponti termici comportano una riduzione complessiva della resistenza termica dell’oggetto.

Il termine è frequentemente discusso nel contesto dell’involucro termico di un edificio in cui i ponti termici portano al trasferimento di calore dentro o fuori dallo spazio condizionato.

I ponti termici negli edifici possono influire sulla quantità di energia richiesta per riscaldare e raffreddare uno spazio, causare condensa (umidità) all’interno dell’involucro dell’edificio e provocare disagio termico.

Con il nano-cappotto MANTI CERAMIC ® puoi dimenticare il ponte termico, perché grazie al suo strato sottile è possibile spruzzarlo ovunque.

COME FUNZIONA IL nano-cappotto

In inverno il calore fluisce dall’interno all’esterno.

Il flusso termico che rallenta nel muro incontra grande resistenza nel termo-rivestimento MANTI® CERAMIC e viene riflesso dal trattamento stesso, in questo modo trasmette energia alla struttura del muro.

Il muro accumula calore, questo effetto batteria ostacola la radiazione fredda e produce una piacevole sensazione. Nella nostra esperienza una sensazione di comfort può essere raggiunta anche ad una temperatura di 16°C.

In estate il calore fluisce dall’esterno all’interno.

In questo caso le radiazioni solari raggiungono il termo-rivestimento MANTI® CERAMIC per primo.

Circa l’85% dell’ampio spettro della radiazione elettromagnetica non può passare attraverso MANTI® CERAMIC.  

Il rimanente 15% è accumulato nel muro grazie al rallentamento del flusso termico.

1 mm. del termo-rivestimento MANTI® CERAMIC  ha una trascurabile capacità di accumulare calore, nella nostra esperienza e secondo i nostri test, questo effetto può esserci durante al primavera e l’autunno.

Questo effetto si può compensare con una ventilazione adeguata.


I VANTAGGI DEL nano-cappotto

  • Protezione efficace dal calore e dal freddo in un basso spessore, da 1 a 6 mm.
  • Innovativo, componenti ecologici amici dell’ambiente
  • Impermeabile ma traspirante al vapore
  • Eliminazione dei ponti termici
  • Tempi di posa inferiori del 70%
  • Resistente alle intemperie, forte adesione e rivestimento decorativo in un unico prodotto
  • Applicazione efficace e di qualità anche su superfici difficili
  • Nessuna necessità di lavori edili
  • Garanzia di 10 anni
  • Detrazioni del 50% e del 65%
  • Ecobonus

QUANDO SI APPLICA IL NANO-CAPPOTO MANTI CERAMIC?

Il nano-cappotto Manti Ceramic è un sistema di isolamento a basso spessore, pochi millimetri, ideale per risolvere i problemi del cappotto termico ad alto spessore e per essere usato in tutti quei casi in cui l’alto spessore sia un problema. 

Tecnicamente si tratta di un rivestimento Nanotecnologico termo-riflettente, con un ottimo coefficente di conducibilità termica (0,0019).

  • Edifici esistenti, dove per installare il cappotto ad alto spessore si rendono necessari lavori edili importanti e si è quindi costretti a snaturare la facciata originaria.
  • Chiusura dei ponti termici tipo spallette di porte e finestre, terrazzi e sporti dei tetti.
  • Isolamento di interni ove lo spessore pregiudicherebbe le dimensioni delle stanze e costringerebbe a lavori edili ed elettrici.
  • Edifici con mattoni faccia vista che non si possono coprire.
  • Facciate di edifici storici che non possono essere modificate.
Cerca